mercoledì 16 novembre 2016

Da blog a sitoweb, la mutazione di MissWonderRain

Da blog a sitoweb, la mutazione di MissWonderRain

mercoledì 16 novembre 2016

Era da tempo che non aggiornavo il blog, e a dire la verità, avevo proprio perso l'interesse nel blog stesso. Fatico molto a raccontarmi sui social, figuriamoci su un blog. All'inizio ero molto entusiasta, ho creato delle rubriche, il calendario del blog ecc.., poi però mi sembrava tutto tempo sprecato, perché quello che volevo fare veramente era cucire.
Ecco perché ho smesso di aggiornare il blog e mi sono dedicata al cucito. Questa versione di sito/blog è provvisoria, ma per il momento mi sta bene. Ha una pagina iniziale che permette di capire subito dove sei e con il menù in alto puoi facilmente navigare per scoprire chi sono e cosa faccio.
Ho rivisto e corretto tutte le pagine, nei mesi passati, ma ancora oggi, perché non si smette mai di studiare, ho imparato cose nuove, e rileggendo le mie pagine le ho corrette.


Come avrete notato, ho cambiato intestazione svariate volte, nessuna mi stava bene. Troppo colorata, troppo smorta, troppo infantile, poco rappresentativa... Poi mi sono rivolta a ViolinViola le ho mandato un mio disegno e lei me lo ha realizzato. Anche in quel caso, dopo l'euforia dei primi giorni, non mi stava più bene. Solo una cosa mi piaceva, la scritta. Perché è la mia calligrafia.
C'è voluto un po' per mettere tutto insieme e capire che in fondo, anche se i colori mi piacciono, il nero resta sempre il mio preferito, ed ecco qui la nuova intestazione.
Continua a leggere...»

lunedì 12 settembre 2016

Dopo tante Wonder Bags, ecco le prime Wonder Skirt

Dopo tante Wonder Bags, ecco le prime Wonder Skirt

lunedì 12 settembre 2016


Poi così, dopo tante borse, mi è presa la voglia delle gonne. Strano, perché nel mio armadio di gonne e vestiti se ne contano solo su una mano, e invece quest'anno, invece di comprarne, ne ho cucite. Queste tre sono state le prime, erano dei vestiti che mettevo in rare occasioni, quando il caldo era veramente insopportabile e i jeans faticavano a entrarmi. 
La prima, quella a fiori rosa e blu, aveva il pezzo sopra parecchio largo che dovevo metterci sempre altro sotto, e l'elastico era cucito male e dava prurito.
Quella in mezzo, aveva un top tutto elasticizzato come pezzo sopra che non mi ha mai fatto impazzire e lo mettevo sempre con il gilet di jeans sopra.
L'ultima, grigia, bianca e rosa, era un vestito un po' troppo corto, sopra ho dovuto stringerlo perché troppo largo e lo usavo per stare in casa.
Dopo averci dato un taglio, ho trasformato i vestiti in gonne, ed è stata la scelta giusta, perché in questo modo le ho messe per tutta l'estate. E senza spendere soldi, senza buttare cose che non mettevo, ho avuto dei nuovi vestiti. Anche questo è riciclo, e direi ben riuscito.

Poi c' ho' preso gusto, ho trovato queste fantasie meravigliose per delle gonne perfette per settembre, perché sono felpate. Comodissime, morbide, per la sera che adesso inizia a rinfrescare sono adattissime. E non contenta, ho cucito anche una maglia con un colletto di borchie.
Il risultato è che ne sono rimasta cosi soddisfatta che ora non mi fermo più. 
Poco tempo per il blog, tante gonne cucite.
A presto.
Continua a leggere...»

giovedì 21 luglio 2016

Le shopper a modo mio finalmente su Etsy

Le shopper a modo mio finalmente su Etsy

giovedì 21 luglio 2016


C'è voluto parecchio tempo prima che decidessi di inserire queste WonderShopper su Etsy, e non perchè ci ho messo molto a cucirle, ma perchè ho attaccato di persona tutte le mini borchiette sul davanti e poi mi sono dovuta assicurare che non si staccassero alle prime uscite.
Ho voluto testarle per bene, uscendo ogni sera con una WonderShopper diversa, portandola ai concerti, ai festival di birra, a lavoro o a paseggio. Le borchiette hanno tenuto. Non immaginate che soddisfazione, rischiavo di dover buttare tre borse e ore di lavoro, perchè i buchini per le borchiette, se non avessero tenuto, non avrei saputo come aggiustarli, camuffarli.
Le ho chiamate WonderShopper a modo mio, perchè le shopper io le ho sempre comprate, ma non ci sono mai andata daccordo. Troppo mosce, senza tasca interna e senza chiusura non le ho mai trovate comode, ma non ci volevo rinunciare, perchè l'aspetto che mi piaceva di più era la leggerezza.
Io sono una di quelle che la borsa la riempie tutta con tutto, e alla lunga il peso diventa un problema, così ho pensato a una Shopper, una WonderShopper, più grande, meno moscia, con tasca interna,  chiusura e borchietta per renderla speciale, unica, ma sempre leggera.
Questo modello mi è subito piaciuto, e ho cucito queste tre WonderShopper con l'aggiunta di borchiette, se mi seguite su instagram ho anche postato il video di come ho attaccato le borchiette, ma non vedo l'ora di cucirne altre, tutte diverse, perchè non amo ripetere le stesse cose.
Su Etsy trovate tutte le caratteristiche che rendonon queste WonderShopper le mie, e credo anche le vostre, preferite.

PS: visto che ne sono rimasta così soddisfatta, per festeggiare ho pensato a un codice sconto, valido fino a domenica 24 inserendo WONDERSHOPPER prima dell'acquisto, saranno tolte le spese di spedizione.

A presto.

Continua a leggere...»

lunedì 18 luglio 2016

Tracolla e zaino tutto in uno

Tracolla e zaino tutto in uno

lunedì 18 luglio 2016



La tracolla che diventa zaino è sempre stato il mio pallino. Amo le tracolle per avere le mani libere, ma spesso la riempo troppo e la borsa pesa su una spalla sola. Lo zaino non mi è mai stato comodissimo, ma la combinazione in un'unica borsa l'ho sempre vista come ideale per le mie esigenze. 
Questo è il primo modello cucito ieri, è ancora da mettere a puntino, ma la base c'è. Su pinterest ne avevo visti vari modelli, ma non avevo mai provato a realizzarne uno, ma in testa l'idea mi frullava spesso, finché domenica mattina mi sono svegliata con la voglia di provarci.
Ho scelto una stoffa tra le ultime arrivate che mi piaceva tantissimo, questa fantasia di rose e teschi sarebbe stata perfetta per la borsa definitiva. Ho preso le misure a occhio, mi sono fidata dell'istinto e alla fine è uscita lei. Ora sto valutando come meglio sistemare i ganci per la tracolla, se mettere gli occhielli, se fare la tracolla regolabile, se aggiungere una tasca laterale ecc.. Suggerimenti??
Continua a leggere...»

mercoledì 6 luglio 2016

Buon compleanno Frida

Buon compleanno Frida

mercoledì 6 luglio 2016


Non aggiorno il blog da mesi, ma se non sia ha nulla da dire, meglio stare zitti.
Invece sono molto presente su Instagram e sulla pagina FB, e sto pensando di rendere il blog un sito con delle pagine informative. Tenere il blog mi impegna molto e preferisco usare quel tempo per cucire. Quindi, tenete d'occhio i canali social.

Intanto vi parlo dell'ultima borsa nata, la Frida Bag. La sto adorando, è una misura media, ci entra tutto quello che mi serve, il portafogli, la poschette, l'agenda, le chiavi e il cellulare.
Sentivo il bisogno di una borsa così, posso portarla a spalla o a mano, perchè non è troppo lunga da strisciare per terra. Questa stoffa poi, è adorabile, fresca ed estiva, il cotone nero le da più risalto e poi si sa, io amo i colori, ma il nero di più.

Prima di chiudere questo post, e chissà quando aggiornerò non lo so, vi invito a leggere, o rileggere le mie pagine chi, come, cosa. Sono state aggiornate visto che sto seguendo il corso di Francesca Baldassarri. Racconta il tuo brand Handmade.
Non sono brava a raccontarmi, lo so, però studio, mi impegno, ci provo e lo faccio. Per ora tenete d'occhio lo shop su Etsy, li trovate tutte le novità, mentre su ALM trovate i vecchi prodotti in promozione, sono freeshipping. Buono shopping.



Continua a leggere...»

lunedì 8 febbraio 2016

Il primo GiveAway di Miss Wonder Rain

Il primo GiveAway di Miss Wonder Rain

lunedì 8 febbraio 2016


Ci siamo, parte oggi il primo GiveAway di Miss Wonder Rain!
In palio la pucciosissima e coloratissima pochette della foto, in cotone stampato rosa con le apine, foderata sempre in cotone bianco con i cuoricini e chiusura rosa con la zip. Imbottita.
Utilissima in borsa per le piccole cose, come porta trucchi, come astuccio o quello che vi pare.
Partecipare è semplice:
- seguire il mio profilo instagram
- invitare almeno 2 amiche
- ripostare la foto con hashtag #mwrgiveaway1 e taggare @misswonderrain


Per la durata del GiveAway il profilo deve essere pubblico!
Assegnerò un numero ad ogni partecipante e lunedì 15 febbraio tramite random.com verrà estratto il vincitore.
Avrete tempo fino al 14 febbraio per partecipare, solo tramite Instagram.
Buona fortuna.
Continua a leggere...»

giovedì 28 gennaio 2016

La borsa di Steve Harris*

La borsa di Steve Harris*

giovedì 28 gennaio 2016


É con estremo orgoglio che oggi vi presento l'ultima borsa nata nello studio di Miss Wonder Rain.
L'ho pensata per qualche giorno, studiata e  scarabocchiata su foglietti, e finalmente, quando mi sono sentita pronta ho creato il modello, tagliato, cucito, aggiustato ed eccola qui. La Steve Harris Bag.. in realtà le avevo dato un' altro nome, Circus Bag, perché con queste righe mi ricordava il tendone da circo, e mi dava l'idea della borsa da viaggio, come un circo itinerante. Poi c'ha pensato l'uomo di casa, che appena l'ha' vista, l'ha subito ribattezzata la borsa di Steve Harris. E come dargli torto?


Ma vediamola nei dettagli:
E' una borsa a secchiello, a righe in bianco e nero (le righe sono state cucite a mano una per una) tutta in ecopelle martellata semi rigida. L'interno è foderato in cotone nero a pois bianchi, lo stesso per il foulard che fa da chiusura. C'è una tasca in ecopelle interna, e come ciliegina sulla torta, ho creato una carinissima nappa che appesa lateralmente a me piace moltissimo.


Qui la tracolla è di un'altra borsa perché non ho avuto tempo di cucirne una personalizzata per la Steve Harris Bag. La sua particolarità sta nel fatto che si può portare a tracolla, oppure a mano: legando il foulard, si può prendere lateralmente ed è perfetta, oppure, se la prendi da un lato solo, la porti a spalla. E non è finita, il foulard, cucito apposta per la Steve Harris Bag, si può sostituire abbinando qualsiasi colore.


Cucire le righe una per una è la parte più noiosa e divertente allo stesso tempo. E visto che non ne avevo abbastanza, ho cucito anche una Steve Harris Bag versione mini. E' la prima che realizzo, e come si può vedere, gli angoli arrotondati non sono perfetti, ci devo lavorare ancora, ma come modello mi piace moltissimo, anche perché a differenza di quella a secchiello è più leggera, visto che è più piccola e con un'imbottitura più morbida.


Per l'interno ho usato lo stesso cotone nero a pois bianco, e un bottone calamitato a pressione per la chiusura. La tracolla l'ho' acquistata su Etsy. Cucire tracolle è un lavoro lungo e snervante, forse alla pari del cucire le righe..
*Se non conosci Steve Harris e gli Iron Maiden, clicca qui.
Alla prossima.

Continua a leggere...»

martedì 19 gennaio 2016

Nuove Clutch 2016 e saldi invernali su A Little Market

Nuove Clutch 2016 e saldi invernali su A Little Market

martedì 19 gennaio 2016

Sono iniziati i saldi anche su A Little Market, trovate le mie prime pochette scontate del 15% come si può resistere? In saldo ci sono anche le primissime shoppers che ho cucito ancora con il marchio White Peppermint, ci sono affezionata visto che sono state il mio progetto di cucito serio.

 
Trovate anche le nuovissime Clutch, un modello che ho studiato e sperimentato a lungo. A Natale è stato un ottimo regalo così ho pensato di riproporla con nuove fantasie. Per l'occasione ho deciso di fare delle foto diverse dal solito, il classico sfondo bianco va bene, ma immaginavo altro.


Fare da modella per le mie Clutch è stato divertente, se non fosse per il freddo tra un cambio e l'altro perché non so da voi, ma qui è arrivato l'inverno, quello vero. Torno a cucire, visto che l'obiettivo di quest'anno per me sono i mercatini devo preparare un sacco di cose, e con l'aiuto della mia parola dell'anno mi sto convincendo che posso farcela.

Alla prossima.


Continua a leggere...»

martedì 12 gennaio 2016

La mia parola dell'anno 2016 // My word of the year 2016

La mia parola dell'anno 2016 // My word of the year 2016

martedì 12 gennaio 2016


E' con grande soddisfazione che vi presento la mia parola dell'anno 2016.. Non sapete di cosa si tratta? male! Leggete il post di Gioia Gottini, Come usare la tua parola dell'anno e Tanti nuovi inizi.
Non c'è voluto molto per trovarla, era li, nei miei pensieri, nascosta. Non ho dovuto neanche fare gli esercizi per capire qual'era. Da inizio anno leggevo della Word of the year, e il mio cervellino ha iniziato la sua ricerca senza che io me ne rendessi conto. Poi, leggendo il post di Gioia, Come usare la tua parola dell'anno è venuta fuori.

Fearless.
Senza paura.

Chiediti cosa significa per te: Questo anno voglio che non sia dominato dalla mia paura di non farcela. Senza paura per me significa portare avanti il mio obbiettivo senza farmi bloccare dal timore di fallire, di fare brutte figure, che qualcuno mi prenda in giro. Per questo anno ho deciso che non voglio avere paura.

Applicala a tutti i settori della tua vita: la timidezza è il mio più grande difetto, spesso mi blocca perché nello stomaco arriva quella paura del giudizio degli altri, quella paura sottile che non mi fa andare avanti e che giustifico con mille scuse. E questo succede in tutti gli aspetti della mia vita, ci combatto da quando ero piccola, ora è arrivato il momento di sbarazzarmene.

Circondatene: come suggerisce Gioia, che se non si è capito io l'adoro e se non la conoscete, fatelo, ho creato lo sfondo desktop del portatile con la mia parola dell'anno. Ho usato dei colori che mi rilassano, che mi mettono di buon umore e voglio metterlo anche come sfondo del telefono.
Avere la mia parola dell'anno costantemente sott'occhio mi aiuterà a non dimenticare tutti i propositi che le ho legato intorno.


Usala per fare scelte coerenti: la teoria va bene, ma poi viene la pratica. A pensarci bene, già pubblicare questo post per me è un passo avanti, un'azione senza paura, anche se un po' ne rimane sempre in fondo allo stomaco. Perché ammettere le proprie paure non è così semplice, o almeno non lo è per me.

Lascia che ti porti in giro: sono proprio curiosa di sapere dove mi porterà, e spero tra un anno, quando troverò una nuova parola, di aver fatto un bel viaggio.


Per oggi è tutto. Vi lascio il link alla W.O.T.Y. (word of the year) POUC, un'idea di Pretty in Mad davvero geniale. Allora che aspettate, scoprite la vostra parola dell'anno.
A presto.
Continua a leggere...»

sabato 2 gennaio 2016

Bilancio 2015 e nuovi propositi 2016

Bilancio 2015 e nuovi propositi 2016

sabato 2 gennaio 2016

Il bilancio del 2015 sarà piacevole questa volta, perché ho capito cosa voglio fare e come.
Ho scelto un obbiettivo per il 2016 in modo da poter organizzare ogni mese al suo raggi aggiungi mento.


Dopo una brutta esperienza lavorativa, per fortuna chiusa, mi sono trovata a casa con tanto tempo libero a disposizione. Lasciare un lavoro sicuro non é stato facile, ma ho avuto la possibilità di riscoprire la mia passione per il cucito, abbandonata per motivi di tempo.
Punto dopo punto, leggendo/studiando ebook seguendo corsi e consigli, sono arrivata a metà anno con l'esigenza di cambiare il nome del mio "brand". White peppermint non mi rappresentava affatto e forse anche per questo non mi sono esposta più di tanto.
Poter scegliere il mio nick per rappresentare chi sono e cosa faccio mi ha riempito di positività.
Miss Wonder Rain.
E continuo a non capire perché non l'ho scelto subito.
Dopo il cambio del nome, con l'aiuto di Simona ho rifatto la grafica del blog, stampato i biglietti da visita e riassorbito lo shop su A little market. Sto cercando di farmi conoscere per quella che sono e non per quella che dovrei essere.
Iscritta al book club di c+b sto continuando a studiare per migliorare non solo come persona ma anche come artigiana.
In questi mesi ho avuto occasione di fare dei mercatini, ma ho rinunciato.
Credere in me stessa é una di quelle cose da migliorare, ricordate i tag da stampare?
Anche per questo, come obbiettivo 2016 ho scelto quello dei mercatini a primavera. Ho tempo per cucire nuovi accessori e prepararmi mentalmente.

Questo 2015 sembrava essere iniziato male, ma per fortuna poi é migliorato.
Auguri con il calendario dell'avvento su Instagram.
Continua a leggere...»
Copyright © Miss Wonder Rain
Blog Design by La Creative Room.