Miss Wonder Rain è un piccolo Brand di cucito Indipendente,

ama i colori ma il nero vince spesso.

Attraverso vestiti HandMade e consigli per una Self-Care Esoterica ti aiuto a coltivare la tua diversità per trasformarla nella tua unicità.



 









       





 

lunedì 4 gennaio 2021

Perchè dovrei avere uno stile di vita sostenibile?

Perchè dovrei avere uno stile di vita sostenibile?

lunedì 4 gennaio 2021


Eccoci finalmente nel 2021, lo abbiamo atteso con tanta trepidazione, nella speranza che possa farci dimenticare l'anno appena trascorso ma se vogliamo davvero che le cose subiscano un cambiamento, non basta affidarci alla speranza, dobbiamo rimboccarci le maniche ed agire.

 

Quale migliore momento se non i primi giorni dell'anno per iniziare a pensare ad un nuovo stile di vita??

 

Se ripenso alla me di qualche anno fa, posso dire che la salute del pianeta mi è sempre stata a cuore e pensavo che fare la raccolta differenziata era la mia unica possibilità per contribuire alla sua salvezza.

 

Solo con l'informazione e nutrendo la mia curiosità ho scoperto che potevo fare molto di più nelle azioni di tutti i giorni e che la situazione stava diventando più grave di quanto immaginassi. 


Impegnata com'ero nella folle routine di tutti i giorni, queste notizie passavano sempre in sordina finchè non ho iniziato a rallentare, a ricercare una connessione con qualcosa di più che non fosse il mio cellulare. Camminare sulla ruota dell'anno mi ha portato anche a questo, a scegliere di volere una vita più sostenibile.


Perchè viviere su questo pianeta è un dono, un privilegio e non ci da il diritto a sfruttarlo quando esistono possibilità per coesistere eticamente. 

 

Perchè tutto ciò che ci circonda è meraviglioso e merita il rispetto delle nostre azioni.

 

Perchè vorrei lasciare un pianeta migliore per le mie nipotine e le generazioni future.



Questi sono i primi pensieri che mi sono venuti in mente, le mie motivazioni, tu cosa pensi quando si parla di sostenibilità? Vorrei che questo post fosse di ispirazione, perché cambiare qualche abitudine per salvare il mondo non è poi così difficile o complicato.

 

Scegliere di vivere una vita più sostenibile, non significa trasferirsi in una foresta senza elettricità, senza acqua corrente  e dover rinunciare a tutte quelle comodità che abbiamo oggi! 



Possiamo farlo senza dover stravolgere le nostre abitudini tutte insieme in una volta sola, possiamo farlo iniziando dalle piccole cose, come ripulire l’armadio e prestare più attenzione quando facciamo shopping. Semplice, no?

 

Negli ultimi anni, molti Business si sono adattati per avere un impatto più sostenibile e molti ne sono nati con principi di sostenibilità per la terra, gli animali, per noi stessi. 



C'è da fare però una precisazione. Nel settore dell’abbigliamento, tutto fa moda, anche la sostenibilità. Per questo abbiamo visto Brand cambiare, alcuni perché credono fortemente nella possibilità di una moda sostenibile, altri perché fa tendenza e fa vendere di più. Nella mischia dei Brand che hanno fatto investimenti e scelte diverse, occhi a quelli che cavalcano l’onda e sono convinti che creare una linea ecologica sia sufficiente.

Questo si chiama GreenWashing, un marketing mirato a dare un’immagine positiva del Brand, a favore dell’ambiente ma è tutta una menzogna. In questo modo si cerca solo di distogliere l’attenzione su tutto il resto della produzione che di sostenibile non ha neanche le etichette.

A grandi linee è il succo del significato di GreenWashing, se vuoi approfondire, e ti consiglio di farlo, leggi l’articolo di ReteZeroWaste qui

Vivere sostenibile è uno stile di vita, dobbiamo rispettare delle regole, e la cosa buffa è che alcune di queste si trovano già nel codice civile.

Fare la raccolta differenziata, non buttare carte o rifiuti per strada, riversare rifiuti tossici nei fiumi, sono tutte cose “banali” ma che spesso vengono ignorate perché tendiamo a pensare che l’inquinamento non può dipendere solo dai nostri gesti.

Vero, noi da soli non facciamo la differenza ma se tutti buttiamo per strada i nostri rifiuti, convinti che tanto la colpa è sempre dell’altro, ci troveremo a camminare su strade fatte di immondizia.

Ti sembro drastica? In questo campo bisogna esserlo un pò perché ancora troppe persone sottovalutano il problema.

La bella notizia è che anche nel nostro piccolo, nelle azioni che facciamo tutti i giorni possiamo dare un contributo per salvare il mondo.

Per me, il primo passo è stato l’informazione. Ho iniziato a leggere blog, a seguire profili instagram e poi acquistare libri. Diventare consapevoli delle conseguenze che hanno le nostre scelte sta alla base se si vuole cambiare un pochino stile di vita.

Ho iniziato ad essere più scrupolosa nelle raccolta differenziata, usato una App che mi suggeriva dove andavano buttati quei rifiuti che di solito, quando siamo incerti, finiscono nell’indifferenziata.

Ho comprato due cassette di acqua in vetro, perché quella del rubinetto nella mia zona non è granché e ogni settimana, le riempo alla fonte che ho vicino casa. Evito la plastica, cerco sempre un’alternativa in vetro, sono più attenta al supermercato, riciclo quello che posso, come le bottiglie di Gin che ho trasformato in vasi o le cassette della frutta riutilizzate come contenitori.

 

Acquistare abbigliamento da Brand sostenibili (realmente sostenibili) è la parte più complicata da spiegare, dimostrare, accettare perchè siamo tutte vittima del FastFashion da sempre.

 

Non farti condizionare dall'idea che una moda sostenibile sia economicamente insostenibile, pensa invece che con quel vestito a €10 contribusci allo sfruttamento di chi lo ha prodotto, sostieni con i tuoi soldi un Brand che se ne frega dell'ambiente, alimenti il consumo di materiali inquinanti ecc..

 

Prova invece a mettere da parte i soldi che spenderesti ogni settimana per lo shopping, e con quei risparmi, acquista un capo sostenibile, magari anche handmade in Italia da un'artigiana che segui su Instagram.  

 

Ti faccio questi esempi per ispirarti, per dimostrare che si può cambiare dalle piccole cose. Anche nel mio piccolo Business ho iniziato a fare scelte sostenibili, come usare scampoli di stoffe o creare inserzioni per i preordini. 

 

I preordini sono un modo pratico, comodo e sostenibile perché evitano gli sprechi e l'accumulo, in pratica quel capo viene cucito solo quando richiesto. Questo mi permette di non avere capi accantonati, che fanno mucchio o da buttare.

 

Dovrai attendere qualche settimana dall'acquisto, è vero ma avrai la possibilità di chiedere personalizzazioni e con la tua scelta, insieme daremo vita ad un acquisto unico e sostenibile, ti sembra una cosa da niente?

 

Molte artigiane utilizzano questa possibilita, sarà un'attesa più lunga ma vedere come viene creato un capo su misura per te, la trovo un'esperienza meravigliosa che ho già fatto e intendo rifare


Ti lascio il link ad un post dove ti racconto la storia del perchè ho scelto di avere un armadio sostenibile, trovi una serie di consigli per iniziare a fare chiarezza e spazio ai tuoi capi del cuore.

 

Buon 2021. Che questo nuovo hanno, porti consapevolezza e il coraggio per cambiare le cose iniziando da noi.


 

Nicoletta ✧⁣⁠

Continua a leggere...»

lunedì 21 dicembre 2020

Yule, il solstizio d'inverno e il rituale dei buoni propositi

Yule, il solstizio d'inverno e il rituale dei buoni propositi

lunedì 21 dicembre 2020


 

A Samhain ci siamo liberate di tutto quello che ci appesantiva, degli ostacoli, delle brutte abitudini, ora è tempo di un nuovo inizio.

 

Oggi, il giorno e la notte avranno eguale misura ma già da domani, anche se in modo quasi impercettibile, il sole inizia a prendere sempre più spazio nelle giornate di buio.

 

Immagina nei tempi antichi le popolazioni che non avevano ancora l'elettricità, le giornate e il loro stile di vita era totalmente condizionato dalla luce del sole. 

Una volta calato il buio, potevano contare solo sulla luce di qualche candela. A differenza degli animali notturni, come per esempio il gatto o i lupi che di notte vedono meglio, noi ci troviamo in difficoltà.

 

Da un lato, questo ci ha portato ad una istintiva paura del buio, dall'altro una comprensibile esaltazione per il ritorno della luce. 

 

Come la natura che in questo tempo si riposa per risvegliarsi in primavera, proviamo a rallentare. Qualche minuto in più sotto le coperte prima di alzarsi, una pausa sul divano più lunga, un bagno caldo e rilassante invece di una doccia veloce.

 

Approfittiamo delle feste per dedicarci di più a noi stessi, anche se queste feste saranno molto diverse, per alcuni in solitaria, non lasciamoci influenzare dalla malinconia e troviamo quel che di buono possiamo sfruttare a nostro vantaggio.

 

Dedichiamo più tempo alla lettura, alla meditazione, al semplice stare con noi stessi.

 

Rituale dei buoni propositi per Yule

 

L'anno nuovo per me inizia a Yule, giorno dedicato alla scrittura di tutti i buoni propositi, i nuovi progetti, abitudini da cambiare e mantenere. Un rituale semplice, che puoi fare anche il primo Gennaio, se tu che scegli, ti servirà: 


- un quaderno, meglio se con una copertina che ispira

 

- penne, evidenziatori, pastelli colorati

 

- tempo, un'ora o due, quello che pensi ti serva

 

- musica, candele, incensi, il silenzio, a piacere

 

Crea il tuo momento, poi passa all'azione! Scrivi tutto quello che vorresti realizzare in questo nuovo anno, senza un'ordine preciso,scrivi o disegna, lasciati ispirare anche da Pinterest ma poi riporta tutto sul quaderno. Mettere nero su bianco aiuta la nostra mente a rendere più realistiche le nostre idee.

 

Quando hai svuotato tutto sul quaderno, è il momento di una pausa. Una passeggiata, una tisana, la telefonata all'amica, una puntata della serie TV che stai seguendo.

 

Dopo la pausa, riprendi il quaderno e inizia a selezionare, sistemare, organizzare ciò che hai scritto. Cataloga per importanza, o per tempistiche, da un'ordine alle idee sparse sul foglio finchè non arrivi a scegliere quella che per te, per il 2021 sarà prioritaria.

 

Quello è il tuo obbiettivo e per non perderlo durante l'anno, sfrutta le pagine del quaderno per pianificare come realizzarlo. Metti in agenda i giorni dedicati alla sua realizzazione e non dimenticare mai il perchè. Tieni sempre a portata di mano la tua motivazione, sarà la luce che ti guiderà quando ti sentirai demotivata, persa o stanca.

 

Ti consiglio di concentrarti su un obbiettivo alla volta, traccia i progressi, dagli spazio e nutrilo se vuoi che diventi realtà.

 

Vuoi sapere quale obbiettivo voglio realizzare io nel nuovo anno?

 

Imparare a cucinare.

Smettere di vivere questo momento sempre di corsa, come tempo perso. Non sono brava in cucina, diciamo che sono negata ma ho preso questo impegno perchè affrontare le cose che non ci piacciono con uno spirito diverso ci porterà meno frustrazione nel farle

Cucinare per me significa anche meno cibi preconfezionati, un risparmio in denaro e un investimento per un'alimentazione più sana.

 

Come ho pianificato la realizzazione di questa impresa?


1. Mi sono procurata un ricettario che stimolasse fantasia e curiosità

 

2. Ho inserito in agenda i giorni da dedicare alla spesa, alla cucina, allo studio

 

Venerdì scelgo la ricetta da preparare e faccio la lista della spesa

 

Sabato passo al supermercato o raccolgo le erbe dell'orto

 

Domenica sono pronta ai fornelli.

 

Un giorno al mese per cucinare ricette vegane, perchè preferisco iniziare con calma, molta calma. E mi impegnerò su un progetto alla volta ma su quel progetto, metterò tutta me stessa, anche se si tratta solo di cucinare.

 

Ora tocca a te, quali sono i tuoi progetti per il nuovo anno? Qual'è il primo della lista?

 

 Felice solstizio!

 

Nicoletta ✧⁣⁠ 


Continua a leggere...»
La collezione delle stagioni, Yule, un nuovo inizio, un nuovo modello

La collezione delle stagioni, Yule, un nuovo inizio, un nuovo modello

Felice Yule!

Oggi è un giorno speciale, non solo perchè è il solstizio d'inverno. E' un giorno speciale perchè sono qui a presentarti questo nuovo modello, che ho scelto di chiamare Yule, fa parte della mia collezione dedicata alle stagioni.

Ho scelto tessuti caldi, come una felpa morbida, una maglina, o un tessuto in  misto cotone lana per tenerti al caldo anche nei giorni più freddi. 

Il modello Yule ha una gonna lunga, svasata che cade morbida sui fianchi. I polsini sono elasticizzati così puoi tirare su la manica come fosse a tre quarti. 

Il corpino è morbido con uno scollo a scaldacuore e in vita ha un elastico per segnare le forme.

 


Taglie e misure 

 

Questo che indosso è una taglia 40.

Un modello con le taglie perchè ok i vestiti taglia unica ma l'abito della tua misura è meglio! Non so te ma io poi, con la taglia unica mi trovo sempre a dover stringere la vita, accorciare li, modificare di quà.  

E allora, vai con le taglie. Potrai scegliere la tua direttamente dallo Shop.

 


 

 I Preordini


Le inserzioni per i preordini sono un modo pratico e comodo per evitare gli sprechi e l'accumulo, in pratica quel capo viene cucito solo quando richiesto. Questo mi permette di non avere capi invenduti o che fanno mucchio.
 

Appena effettuato, l'ordine viene preso in carico, il capo sarà cucito entro massimo 1/2 settimane, le tempistiche possono variare in base agli ordini, certo è che farò di tutto per rispettare i tempi e se possibile anticiparli.  

 

Tempistiche di realizzazione


Per fare le cose fatte bene, ci vuole tempo e pazienza.
I tempi di realizzazione sono di 10/15 giorni, poi dipenderà dagli ordini accumulati. Ovvio che se riesco a finire prima, spedisco prima.

Se cerchi una fantasia che non trovi nello Shop, sentiamoci per scegliere quella giusta per te. Questo richiede qualche giorno in più ma saremo in contatto e ti terrò aggiornata sulle tempistiche.

 


 

Spedizioni


 

La spedizione viene effettuata tramite il sito spediamo.it che affida il tuo pacco ad un corriere, solitamente si appoggia a SDA. Il pacco ha un codice e può essere tracciato ed è richiesta la firma alla consegna.

Gli ordini per i preordine che devono essere realizzati da zero hanno tempistiche che variano in base alle richieste. Da un minimo di 1/2 settimane a un massimo di 3/4 settimane, sarai avvista appena l'abito richiesto sarà pronto per essere spedito.

Puoi guardare sul sito Etsy o se preferisci, contattami via email a dimmitutto@misswonderrain.com
se hai bisogno di chiarimenti.

 

 

Nicoletta ✧⁣⁠

Continua a leggere...»

lunedì 14 dicembre 2020

Camminare sulla ruota con la Dea

Camminare sulla ruota con la Dea

lunedì 14 dicembre 2020

Cade oggi l’ultimo novilunio dell’anno, sono stati mesi difficili ma con l’avvicinarsi di Yule, voglio lasciarmi alle spalle tutte le negatività e concentrarmi sull’insegnamento, la trasformazione che tutto questo ha portato.

 


 

Quando ho iniziato il percorso della Ruota dell’anno, non avevo ancora chiaro cosa volesse dire veramente. Venivo da un periodo di stanchezza, dove mi sentivo oppressa, incapace di stare al passo con la vita e chi mi circondava. Ero incuriosita dai riti pagani, dalle celebrazioni dei Sabba e anche se non conoscevo il significato, sentivo che era la strada giusta e lenamente mi sono avvicinata a questo stile di vita più spirituale.

Allinearmi alle stagioni, celebrare il solstizio, mi ha permesso di connettermi con la natura che avevo intorno. Non è stato immediato ma ad ogni rito, ho sentito più forte l’energia e la consapevolezza che accendere una candela può rappresentare qualcosa di più.

Ho dato spazio ai miei bisogni, mi sono ascoltata, mi sono fatta domande parlando con me stessa come fossimo due amiche all’ora del tè con i biscotti.

Guardarmi dentro mi ha dato la possibilità di vedere il mondo con occhi diversi, cercare nell’aria i profumi, i cambiamenti delle stagione mi aiuta a rimanere nel presente, seguendo un flusso, sentendomi parte di un cerchio che non si chiude mai.

Leggere, cercare e studiare mi ha fatto vivere le feste in modo più profondo, legato a tradizioni antiche che onoravano la natura e questo mi ha fatto vedere la cosa non solo come un atto spirituale ma mi ha dato la sensazione di radicamento, collegamento con popoli vissuti secoli fa.

Camminare sulla ruota dell’anno è un percorso per conoscersi, risvegliare quelle parti di noi che rappresentano l’archetipo che vive in quella stagione.

Non è più solo guardare fuori dalla finestra e allinearsi all’autunno o alla primavera, è accettare il cambiamento del nostro sentire ad ogni stagione, ad ogni sabba. L’energia è sempre in movimento e possiamo usarla seguendo il suo percorso per immergerci nel nostro inconscio.

Per tutto il periodo di Samhain siamo portati a guardarci dentro, fare bilanci e capire cosa lasciarci alle spalle e cosa portare in un nuovo giro di ruota. A Yule, il solstizio d’inverno l’energia cambia, è tempo di fare progetti, seminare intenzioni che fioriranno poi in primavera.

Camminare sulla ruota dell’anno è entrare in una spirale di crescita e cambiamento che ci permette di riconoscerci attraverso la natura e fluire con i suoi ritmi.

 

 


Sentendomi parte di tutto questo, la vita di tutti i giorni con una routine super attiva e studiata per rimanere al passo con il mondo ha iniziato a starmi stretta, non era più sostenibile.


Non sopportavo più di far parte di un sistema che non ha valori, o che sono in disaccordo con i miei e mano a mano mi sono allontanata, isolata da una vita che non era la mia.

Per alcuni sono un’asociale, per altri solo una un pò strana con la testa piena di fantasie ma il mio obbiettivo non è mai stato quello di piacere o essere accettata. Anche se per un pò ho creduto che lo fosse.

Isolarmi mi ha fatto conoscere i valori in cui credo, e la persona che voglio essere senza compromessi. Avevo in mente una vita dove il lavoro ha un significato più profondo del semplice guadagnare per vivere. Cucire è la mia passione fin da quando ero piccola e ora posso metterla al servizio di chi come me, non trova mai quello che cerca.

Come ti racconto nella bio, ho iniziato a cucire i costumi per cosplayer per poi passare ai vestiti e accessori che non trovavo. 


Ero forse di gusti difficili? 

 

No, semplicemente non sono mai stata allineata alla moda, al trend del momento o ai gusti delle mie compagne di classe.



A distanza di anni, continuo a non trovare nei negozi nulla che possa rappresentarmi, è andata meglio rivolgendomi al mondo dell’artigianato, del fatto a mano ma anche li, tanti fiori e colori che io proprio no, non metterei mai.



Così ho iniziato con le borse e ogni volta che vendevo una mia creazione ero incredula e felice, esisteva qualcuno che capiva il mio stile e lo apprezzava.

Ci sono voluti anni, e un corso di cucito per creare quella fiducia che mi ha permesso di fare un passo in avanti. Cucire abbigliamento con il mio stile. Con l'arrivo di Yule, inizia un nuovo giro di ruota ed è un nuovo inizio per me e il mio brand.

 

Vuoi saperne di più?

 

Restiamo in contatto sui social.

 

Ti aspetto.


Nicoletta ✧⁣⁠

Continua a leggere...»

lunedì 30 novembre 2020

Consigli per gli acquisti, Handmade Christmas Shopping, i miei preferiti

Consigli per gli acquisti, Handmade Christmas Shopping, i miei preferiti

lunedì 30 novembre 2020


 

Le luci ad ogni angolo, il freddo, la caccia al regalo per l'amica, le canzoni e poi i dolci, le cene in famiglia, decorare l'albero tutti insieme. L'atmosfera del Natale è sempre stata magica, avvolgente, almeno finchè non ho iniziato a lavorore in GDO.

 

Sono cambiate tante cose nella mia vita in questi anni, non sento più la magia del Natale e preferisco celebrare Yule, il solstizio d'inverno. Invece dei regali, a Dicembre scelgo di fare beneficenza, al gattile della mia città portando copertine e cibo ma anche on line cercando chi si occupa di animali meno fortunati tutto l'anno. 


Tranquilla, non sono qui a fare polemica sul Natale consumistico, anzi, volevo approfittare di questa occasione per sostenere l'artigianato made in Italy

 

Ho deciso di farlo perchè credo che nei piccoli brand handmade ci sia qualcosa di speciale, di unico come il loro lato umano. Li puoi ascoltare, vedere, seguire, si battono per un mondo migliore attraverso il loro talento e meritano la nostra attenzione.



Per tutte le amiche che non li conoscono ancora, questo è il momento giusto per coinvolgerle nel mondo zerowaste con dei prodotti che usiamo tutti i giorni. Ormai io non uso altro, ho smesso di acquistare i dischetti struccanti e li ho sostituiti con quelli di Ramona, bellissimi e morbidi sulla pelle, struccano perfettamente. Combinati con l'olio di cocco che è anche uno struccante super naturale, è un'idea regalo originale e sostenibile.


https://www.instagram.com/_ngarbata/

 


Lo stesso per gli assorbenti. Avevo provato la coppetta mestruale ma non fa per me, poi questi assorbenti lavabili sono morbidissimi e puoi scegliere la fantasia che più ti piacciono. E ci sono anche le Period panties, slip super comodi e assorbenti assolutamente consigliati! Anche qui, prova ad immaginare quanti rifiuti potrai evitare di accumulare e se anche come assorbenti costano di più rispetto a quelli usa e getta, ricordati che quelli lavabili durano anni. 


https://www.instagram.com/mamadu_homemade/


 

Il suo ricettario Mangiare senza mangiare nessuno è bellissimo, utilissimo, semplice e sostenibile per gli animali. Da lei ho acquistato anche l'agenda Strega sempre, il calendario e le candele in cera di soia. Adoro le sue illustrazioni sbarazzine ma sempre con un messaggio importante. Nell'agenda ci sono 12 ricette veg, una al mese da provare. Se vogliamo uno stile di vita più sostenibili, iniziamo da noi, con piccole cose come una ricetta veg per i nostri menù.


https://www.instagram.com/violinoviolaillustrazioni/

 

 


Un calderone in ceramica fatto a mano e dipinto a mano è ormai il mio compagno inseparabile sul comodino, ogni volta che allestisco l'altare al cambio delle stagioni, lui resta sempre. Opera di Mumidesign anche la collana sempre in ceramica dipinta a mano con il bassotto, non sembra proprio Buffy? Le sue ceramiche hanno quell'atmosfera magica che ti fa sognare.


https://www.instagram.com/raffin_mumidesign/

 


Per le amanti dei gioielli e dei fiori, lei è la vostra alleata. Orecchini, collane, mollettine e bracciali in resina con dentro i fiori. E' bellissimo portare nelle nostre giornate e nei nostri look la magia dei fiori e della natura.

 

https://www.instagram.com/durvilia_creazioni/



Lei è la mia amica di web, crea accessori in resina bellissimi, circondata da gatti, un pastore maremmano bianco Nina e Charlie. La collana con il ciondolo della macchina da cucire è opera sua e anche il bracciale che porto spesso, con una mini Buffy.

 

https://www.instagram.com/lagigibijoux/



Questi sono i miei consigli per gli acquisti e alcune delle mie artigiane preferite, seguimi su instagram per scoprirne le altre ogni giorno fino a Natale, come in un calendario dell'avvento. E se ti va, fammi conoscere le tue artigiane del cuore.


Nicoletta

 

Continua a leggere...»

lunedì 16 novembre 2020

Risvegliare la Strega dentro di noi per dare voce a quella parte selvaggia addormentata

Risvegliare la Strega dentro di noi per dare voce a quella parte selvaggia addormentata

lunedì 16 novembre 2020


Ho passato la mia infanzia a cercarmi ovunque, nelle riviste, in televisione, a scuola, negli spazi pubblici e non mi sono mai trovata" Esperance HakuZwimana Ripanti. qui

 

Ogni donna dentro di se, ha una parte che la fa sentire diversa, che la contraddistingue da tutte le altre. Non sempre questa unicità è vista come una qualità, una cosa positiva, spesso questa diversità ci fa sentire inadatte, a disagio.

Questo nostro lato selvaggio, che non ne vuole sapere di restare zitto e addormentato può fare paura, sia a noi e a chi ci circonda. Spesso indossiamo una maschera perchè la nostra diversità non è socialmente accettata e ci fa sentire sbagliate.

 

Viviamo in una società che ci porta ad essere tutti più simili possibili, ci spinge ad ignorare quella parte di noi che ci rende strane, uniche, diverse.  

Questa parte di noi io la chiamo Strega, perchè proprio come le Streghe, chi non si adatta, chi non è come ci vogliono gli altri, viene spesso discrimanto, visto come un freak.

 

 

La Strega chiede solo di essere ascoltata

 


Se non riesci ad adattarti alla norma, se non corri insieme alle grandi folle, se senti il bisogno di stare da sola, di tempo per stare con te stessa, che tutto significhi qualcosa, che la Luna influisce sul tuo umore, non sei sbagliata, è solo una parte di te che chiede di essere ascoltata.

Chiamala come preferisci, la tua parte selvaggia, Dea, Fata o Strega, l'importante è darle ascolto perchè è un pezzo di te.

 

Io per prima ho vissuto questa diversità con disagio, sin da piccola ho sempre sentito un qualcosa dentro che mi portava a comportarmi, a vestirmi in un modo che la società, o le persone intorno non capivano, non accettavano.

 

Da adolescente, oltre a non mettere mai le gonne o un vestito, esageravo sempre con il trucco nero intorno agli occhi. Tutti cercavano di convincermi che era solo un modo per ribellarmi, una fase dell'adolescenza. 


Per anni ho cercato di adattarmi, non ascoltando e reprimendo quel lato che mi faceva sentire di essere diversa. Pensavo che se mi fossi omologata al volere della società avrei smesso di sentire quel disagio. Nulla di più sbagliato.

 

Solo quando ho iniziato ad ascoltare la Strega, ad accettare che posso essere diversa e non sentirmi sbagliata quel disagio si è affievolito fino a scomparire. Truccarmi e vestirmi di nero non era una fase o un modo per ribellarmi, era la mia unicità che non voleva essere messa da parte.



Possiamo essere diverse e non sentirci sbagliate!



Se non riesci ad ascoltare la tua parte selvaggia, è normale perché dopo averla ignorata per tanto tempo, la Strega si è addormentata ma non avrà bisogno del bacio del principe per essere risvegliata

Serve allenamento, costanza, pratica, pochi minuti ogni giorno da dedicare a noi stesse. Troviamo un momento per metterci in ascolto del nostro lato inconscio, del nostro intuito.

 

Non troverai le risposte alle tue domande come per magia.

Fai divinazione, ascoltati e guardati dentro. Le risposte che cerchiamo le abbiamo già, ci serve solo risvegliare la Strega e ascoltarla. 

 

Connetterci con questa parte che abbiamo dentro non è nulla di sovrannaturale, anche se ci hanno portato a credere che queste pratiche sono roba da fattucchiere. Ascoltare le tue emozioni, le tue sensazioni è una cosa naturale, ma è facile dimenticarsene quando siamo portate a vivere le giornate sempre di corsa in modo totalmente sconnesso.

In ognuna di noi esiste questo lato selvaggio, nascosto, oscuro che trova la sua incarnazione nell'archetipo della Strega o Dea se preferisci. Ti lascio qualche consiglio per iniziare a risvegliare e coltivare questa parte spesso dimenticata.

 

 

Come risvegliare e coltivare la nostra unicità



☽   Sembrerà che sia ripetitiva ma fare meditazione è veramente una pratica fondamentale anche per ritrovare la connessione con la nostra Strega. Inizia con cinque minuti al giorno, accendi una candela per rendere questo momento più magico e speciale. Chiudi gli occhi, respira, segui il tuo respiro e concentrati solo su quello. Sembra difficile e se non lo hai mai fatto le prime volte ti sentirai sciocca ma non demordere, insisti. Aiutati con le App di mindfullness che ti consigliavo qui

 

☽   Vivi il momento, rifletti prima di prendere una decisione. Inizia con cose semplici, metti tutta la tua attenzione quando scegli cosa mangiare a cena o cosa indossare per uscire. Anche questa può sembrare una sciocchezza ma è un allenamento. Ascolta le tue sensazioni e non la parte razionale. Qui nessuna App ti può aiutare, devi solo stare sul momento e ascoltare cosa senti.





 

E se proprio non riesci a trovare una connessione, o se vuoi approfondire questa pratica al meglio, ti consiglio il corso di Giada, lo trovi qui. Attenzione, Giada crea dipendenza.

Ti lascio con un ultimo consiglio che è quello più importante di tutti: pratica con costanza.

 

 

Nicoletta  


Continua a leggere...»
vai al blog
Copyright © Miss Wonder Rain
Blog Design by La Creative Room.